Nuove sfide per l’Aglianico: innovazione e marketing

Dal 31 gennaio al 2 febbraio Melfi e il suo Castello hanno ospitato un evento di portata nazionale che ha visto coinvolta l’Associazione Nazionale dei Sommelier ed altre personalità del mondo del vino. Il protagonista sono stati l’Aglianico e il suo potenziale a diventare uno dei vini più apprezzati del territorio italiano e non solo. 

L’evento è stato fortemente voluto dal Consorzio di Tutela Aglianico del Vulture che, con la collaborazione di Scai, ha saputo dare voce alle caratteristiche di questo vino e a come, facendo leva sull’innovazione e sul marketing territoriale, possa diventare una delle eccellenze italiane. 

Sono stati 3 giorni in cui gli ospiti dell’evento hanno potuto conoscere i prodotti e il territorio lucano ma soprattutto hanno potuto confrontarsi sulle nuove tendenze in tema di eno-turismo.
Un evento, questo, che ha previsto diverse attività svolte tra i territori di Lavello, Melfi e Venosa che ha raggiunto il suo culmine nella giornata del 1° febbraio con il l’incontro/dibattito “Raccontare il territorio attraverso il vino: strumenti e strategie”. 

È stato un vero e proprio momento di condivisioni durante il quale sono intervenuti Antonello Maietta, presidente nazionale A.I.S e Francesco Perillo, Presidente del Consorzio di Tutela Aglianico del Vulture. Un altro intervento di spessore è stato quello dell’Assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata Francesco Fanelli, il quale ha sottolineato l’impegno della regione nella promozione dell’Aglianico. 

Questo evento è solo un punto di partenza dal quale si possono raggiungere obiettivi meritevoli e ambiziosi.

Dopo il dibattito non poteva mancare la degustazione che ha permesso di conoscere e apprezzare tutti i vini del Consorzio e di abbinarli con succulenti manicaretti. Il Consorzio vuole fortemente dare priorità e promuovere tutte quelle azioni volte all’innovazione e incentivare i suoi soci affinché si allineino ai trend del marketing del vino. 

“In questo contesto così competitivo, – dichiara il Presidente Francesco Perillo – è stato cruciale rivolgersi a figure specializzate come i sommelier, importanti attori del sistema ma anche persone esperte in grado di consigliare gli operatori direttamente e nell’ambito di fiere ed eventi.”  

La sfida oggi non si concentra più sulla comunicazione di massa ma si concentra sulle nicchie, per cui anche il singolo acquisisce importanza. Anche il singolo ristoratore è importante poiché da lui parte la selezione dei vini per la propria cantina. È il ristoratore che deve fare quel salto in più nella scelta di vini dalle caratteristiche importanti che possano conquistare con il loro gusto deciso e accompagnare importanti pasti. 

Il marketing diventa un alleato fondamentale per una collettività di aziende che agiscono in sinergia per la valorizzazione del territorio. Ogni etichetta sarà sua portabandiera, suo simbolo. I valori essenziali diventano la sostenibilità, il rispetto del territorio e il gusto, al fine di conquistare un consumatore esigente e sempre più attento. 

Perillo continua: “È sul digitale che oggi si gioca la sfida del marketing ed è lì che vogliamo portare le nostre aziende, per essere competitivi a livello nazionale ed internazionale.” 

Le parole saranno seguite sicuramente dai fatti e con questo evento si è voluto dimostrare quali e quante siano le facoltà di questo vino di imporsi sul territorio nazionale e di dare voce alla propria Regione. Un’opportunità da non perdere e della quale il Consorzio di Tutela Aglianico del Vulture si fa promotore attivo. 

This error message is only visible to WordPress admins

Error: API requests are being delayed. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

Error: API requests are being delayed for this account. New posts will not be retrieved.

There may be an issue with the Instagram access token that you are using. Your server might also be unable to connect to Instagram at this time.

CHI SIAMO

Il Consorzio di Tutela Aglianico del Vulture è un’associazione senza scopo di lucro che, costituita il 12 aprile 1986 e iscritta  nel Registro delle Imprese di POTENZA dal 19 febbraio 1996, riunisce  viticoltori, vinificatori e imbottigliatori, singoli o associati,  che producono vino  doc Aglianico del Vulture.  Il Consorzio è costituito  per la valorizzazione, la promozione dell’immagine e la tutela del vino doc Aglianico del Vulture, ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti  situati nella zona di produzione, definita e delimitata come tale dal Disciplinare di produzione approvato con Decreto del Presidente della Repubblica  del 18 febbraio 1971. 

MISSION

Il Consorzio di Tutela dell’Aglianico del Vulture ha lo scopo di:

  • Sviluppare lo studio, la ricerca, la sperimentazione, la divulgazione interna  dei controlli di qualità sulla filiera vitivinicola

  • Favorire tutte le iniziative tendenti al miglioramento della qualità dei vitigni tipici;

  • Partecipare a tutte quelle attività scientifiche  tese allo sviluppo di metodiche e tecniche agrarie ed enologiche sempre più nuove e avanzate, nel pieno rispetto della qualità ambientale;

  • Svolgere le funzioni di tutela,  promozione,  valorizzazione,  informazione del consumatore e di cura generale degli interessi della relativa denominazione

  • Collaborare con altri Enti e Associazioni per favorire l’integrazione tra la produzione vitivinicola dell’Aglianico doc del Vulture e le attività eno-turistiche e le produzioni tipiche locali

  • Espletare attività di assistenza tecnica, di proposta, di studio, di valutazione economico – congiunturale delle denominazioni di origine, nonché ogni altra attività finalizzata alla valorizzazione del prodotto sotto il profilo tecnico e dell’immagine

  • Collaborare con le regioni e province autonome per  la tutela e la salvaguardia delle do da abusi, atti di concorrenza sleale, contraffazioni, uso improprio delle denominazioni tutelate

VENOSA

 

RIONERO

 

BARILE

 

LAVELLO

 

ALTRE CITTÀ